• Iana Tishina

Sui Fratelli

Io non guardo le notizie, evito le risposte alle domande, non apro questo tema nei dialoghi, e persino nel dialogo interno con me stessa questo tema è tabù.

L'ho deciso per me stessa tanto tempo fa, ma dall'intonazione della voce che lo chiede ho capito quanto è importante parlarne, e mi sento costretta a riaprire nuovamente questa porta.

Sono ucraina, cresciuta nelle infinite steppe della regione di Lugansk, ed ora abito in Russia.

Non riesco a descrivere con le parole il dolore che provo, quando si parla della mia patria.

Non posso dire che mi considero patriota, mi è estraneo questo concetto, io non voglio difendere gli interessi di un specifico paese, fare dei sacrifici per difendere la ragione di una ideologia politica.

Nella mia mente ho cancellato già da tempo tutti i confini, per me esistono soltanto le persone.

Noi camminiamo sotto lo stesso cielo, abbiamo gli stessi antichi avi, siamo divisi nelle aspirazioni, ma assolutamente identici nei desideri.

Le persone di tutti i paesi del mondo di tutti i tempi vogliono un'unica cosa. Tutti vogliono la felicità, la vita senza le guerre, senza conflitti, senza spargimento di sangue, senza la fame, senza la povertà e l’ingiustizia.

Sulle labbra ricompaiono regolarmente le notizie sull’Ucraina, ed ora anche sulla Bielorussia, tutti dicono " lì fa paura, lì c'è la guerra", ed io rispondo soltanto che la guerra è dappertutto. Dove c'è la cattiveria, l'inganno, l'avidità e la passione per il profitto, dove le persone chiudono gli occhi sulle cose terribili, dove fratello va contro fratello - la guerra contro l'umanità è ovunque.

È impressionante come la società, nonostante l’altissimo livello di istruzione, in un modo o nell'altro, stia rotolando nell'abisso. Ogni volta che l'essere umano compie un delitto contro il prossimo, egli distrugge non soltanto sè stesso, ma condanna alla distruzione il futuro del mondo.

In realtà, per l'organizzazione Unire nell'Arte degli esponenti dell'arte e della cultura, si erige il compito superiore, dato che l'arte autentica è indipendente ed incorruttibile. Solo riunendo i creatori che trasmettono nel mondo il messaggio del bene, di eguaglianza e dell'umanità si riuscirà a imprimere nella coscienza comune l'idea di amore reciproco.

Può darsi che un giorno questa follia finirà, la gente deporrà le armi, finiranno i conflitti, l'inimicizia sarà sradicata. Ed io finalmente potrò tornare alle radici della mia esistenza a camminare a piedi nudi sulla terra della mia patria, senza essere delinquente politico.

Perché tutti gli esseri umani sono fratelli.


20/06/2021

Iana Tishina

pittrice

Post recenti

Mostra tutti

Articolo-recensione di Enzo Pirozzi

"The Element", Trova il tuo elemento, è un libro di Ken Robinson che racconta una storia sulla pittura. Si svolge in una scuola elementare, dove una maestra insegna disegno. In fondo ad un’aula c’è un

La nostra Unione

Voglio iniziare con parole di riconoscenza verso la presidente di Unire nell'Arte e mia amica, Anna Lapshina, per la comprensione, condivisione, sostegno e partecipazione alla mia vita. La mia malatti