• Shilpi Choudhury

Haute Couture, storia e Shilpi Choudhury

Mi presento, sono designer d'avanguardia Haute Couture, storico della moda, attivista, stilista sperimentale e professore di storia.

L'industria della moda è una cortina fumogena per la massima articolazione delle menti creative attraverso il tessuto.

La moda è un corpo dato da una tessitrice e da un sarto, ma la sua anima è infusa da uno stilista. La moda è un'arte che cambia per sempre nella forma, nell'umore e nello stile. È un'arte che consiste nel creare e costruire una forma estetica.

Il mio viaggio nella moda mi ha indotto a portare in primo piano il mondo dell'eredità tradizionale inesplorata, vergine e non commercializzata, i tessuti tribali e l'artigianato del ricamo.

Haute Couture in origami, di Shilpi Choudhury. Ispirazione: la terra del Nilo Blu

Ricreo, reinvento e riciclo un design in un nuovo avatar, è una chiamata al locale e al diventare globale.

Amo il mio lavoro quando soddisfa la mia fame di arte, storia, orgoglio nazionale e la mia identità. Si può vedere una fusione di tecnologia, lusso dell’arte e storia creata per accentuare la forma femminile, maschile e LGBT. Mi odierei per aver creato qualcosa di troppo scontato.

Haute Couture di Shilpi Choudhury in ricamo tribale Lambani. Acconciatura ispirata dal damru del signore Shiva.

Haute Couture si riferisce alla creazione di un esclusivo design di fascia alta su misura che viene costruito a mano dall'inizio alla fine. È l'alta moda che implica l'alta cucitura. C’è un detto del cancelliere austriaco del 18°-19° secolo che "quando la Francia starnutisce, l'intera Europa prende freddo", e la Francia sembra essere un paese leader che ha introdotto riforme radicali della moda (soprattutto le calzature con tacco da uomo) sotto il patrocinio di Luigi XIV della dinastia borbonica francese nel XVII e XVIII secolo d.C. L'alta moda esisteva anche in India; mentre esploriamo l'abbigliamento della regalità e della nobiltà sin dai tempi antichi, osserviamo che l'Alta Moda era presente, probabilmente non era commercializzata come il genere Haute Couture come è commercializzato e inteso oggi.

Haute Couture in origami di Shilpi Choudhury. Ispirata all'età dei faraoni.

Se vogliamo conoscere il presente e il futuro, dobbiamo capire il passato. La storia è un filo conduttore nel tessuto della moda. La storia della moda è vecchia quanto l'umanità, e l'Africa è il luogo di nascita dell'umanità e della moda.


Le fonti storiche come le opere letterarie degli indigeni sono di cronisti stranieri, attraverso reperti archeologici (numismatica, epigrafia, scultura, monumenti, fregi, affreschi, miniatura e pittura murale).


L'India è in una transizione di moda dall'età della pietra ai giorni nostri, scavando nel pluralismo e assimilando i generi indigeni tribali, folk, del patrimonio e della moda straniera.


Avant-garde in ricamo Zardozi di Shilpi Choudhury.

La moda indiana è stata influenzata da tre fattori: spiritualità, conquiste e rotte commerciali.


La civiltà degli Indi (5000 a.C. - 1700 a.C. ) ci dà la prova che il cotone veniva coltivato e commerciato su larga scala. Esistevano mestieri come il lavoro ad ago, la tessitura e la tintura; quindi la teoria secondo cui gli abiti cuciti sono arrivati ​​​​in India attraverso conquiste straniere non è vera.

Haute Couture in tessuto tribale indiano Naga di Shilpi Choudhury.

L'invasione ariana nel 1500 a.C. portò in India l'abbigliamento dei drappi. Antariya (indumento interno), uttariya (indumento superiore), uttaryaya (mantello esterno), kanchuka (corpetto), un indumento chiamato dhoti che veniva indossato con lunghezze variabili.

Le conquiste di Sakas (Iran, II secolo a.C.), i Kushan (Asia centrale dal II secolo a.C. al III secolo d.C.), i Turchi (X secolo d.C.), gli Afgani (dal X secolo d.C. al XV secolo d.C.), l'influenza persiana, i Mongoli chiamati Unni (dal 1221 al 1327 d.C.), i Moghul (1526 d.C.) portarono in voga abiti cuciti. Questi abiti erano adatti per uno stile di vita mobile come la guerra e l'equitazione. L’abbigliamento prevedeva prevalentemente giacche, cappotti lunghi, pantaloni, stivali e indumenti sovrapposti come protezione dagli agenti atmosferici.

IBN BATUTA (viaggiatore e cronista marocchino) del XIII secolo d.C., parla di TIRAZ che erano esclusive case di moda.

Avant-garde by Shilpi Choudhury in applique surface design. Coiffure inspired by lord Shiva's damru.

Humayun, secondo imperatore ed erudito Mughal (XVI secolo d.C.) portò la vita d'élite della corte persiana. Lo stile e il taglio di "Chakdar jama", le giacche, i pigiami farsi, i Kurtis e il broccato pesante divennero la moda di quel tempo. I Moghul promuovevano tessuti come la mussola, benarasi, jamdanis, chikankari e lavori di decorazione della superficie tempestata di pietre. Il tessuto Patola era considerato il simbolo della ricchezza dei sovrani SOLANKI di Patan (stato del Gujarat), dell'XI secolo d.C. Baluchari, i tessuti mitologici che descrivono le storie dei poemi epici indiani, il Ramayana e il Mahabharata.

Avant-garde di Shilpi Choudhury nel pantheon indiano di divinità.

Questo meraviglioso tessuto è stato promosso dai nawab musulmani di Murshidabad. I tessuti Kanjeevaram di una piccola città di Kanchipuram hanno 400 anni e Qasim è promosso dall'impero Vijaynagar (14 ° secolo d.C.) dell'India meridionale. Nel 1926 fu progettato il primo tessuto Samhalpuri (stato dell'Odisha) in una complicata trama Ikkat. La tradizione della seta e del cotone in India è incredibile e le parole non bastano per descrivere la varietà.

Haute Couture di Shilpi Choudhury in origami e stampa digitale.

Il colonialismo britannico (dal 1858 al 1947) e la rivoluzione industriale (dal 1760 al 1840) portarono con sé lo sfruttamento e il monopolio delle materie prime indiane come seta, cotone e indaco, e di conseguenza alla distruzione delle industrie artigianali e ai rischi derivanti da sostanze tossiche in tessuti a base di plastica e prodotti in fabbrica. L'India ha dovuto affrontare la disoccupazione e la brutalità delle discriminazioni razziali. L'India ha subito l'occidentalizzazione che è stata vista come una mobilità verso l'alto.


Il "movimento Swadeshi" (7 agosto 1909) portò la trama magica di KHADI, che divenne un simbolo iconico nazionale. Ciò ha riportato la sostenibilità economica e ambientale.

Questo è stato il modo in cui l'India ha preservato le industrie artigianali, ripromozionando la fibra organica che è biodegradabile e quindi rispettosa dell'ambiente.

La cultura tribale dell'India da tempo immemorabile utilizza fibre organiche e coloranti vegetali. Le tribù Todas, Banjaras, Lambanis, Rabaris, Drokpa, Melana, Kinnauri, Kalash, Jaunsaris, Gonds, Bhils, Bishnois, e le tribù di Manipur, Meghalaya, Assam, Tripura, Nagaland sono stati tutti la mia ispirazione. Il loro modo di vivere organico e le loro varie abilità di tessitura e ricamo mi hanno lasciata ipnotizzata.

Haute Couture di Shilpi Choudhury dipinto a mano.

In tutto il mio lavoro si può vedere una forte influenza tribale e allo stesso tempo la finezza dell'Haute Couture internazionale.

Il 20° secolo ha visto un rapido afflusso di poliestere inorganico e fibre a base di plastica. Sebbene siano economici e di facile manutenzione, sono pericolosi per la salute e l'ambiente.


QUELLO CHE IMPARIAMO DALLA STORIA È CHE 'LE PERSONE NON IMPARANO DALLA STORIA.'

Haute Couture di Shilpi Choudhury che rappresenta la divinità indiana Lakshmi.

Shilpi Choudhury

Post recenti

Mostra tutti

Unire nell'Arte ha il grande piacere di intervistare la Dott.ssa Marina Battaglioli, neonatologa presso l'Ospedale Macedonio Melloni, per rispondere ad alcune domande che abbiamo ricevuto dai nostri l